Vittorio POZZO il CT più vincente della storia del calcio. Due Campionati del Mondo e un'Olimpiade.

Pagina della storia del Toro
Rispondi
Avatar utente
Bertolino
Messaggi: 139
Iscritto il: 11/02/2017, 11:33

Vittorio POZZO il CT più vincente della storia del calcio. Due Campionati del Mondo e un'Olimpiade.

Messaggio da Bertolino »

Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

VITTORIO POZZO nasce a Torino il 2 marzo 1886. È stato il più grande Commissario Tecnico della Nazionale di Calcio. Da calciatore militò nel GRASSHOPERS (Svizzera) nel 1905/06, ritornò a Torino e contribuì alla fondazione della “NOSTRA” SQUADRA militandovi per 5 anni, sino al ritiro dell’attività agonistica nel 1911 (non trovo tracce di partite di Campionato giocate da Vittorio in Campionato).
Nel 1912/13 è il PRIMO ALLENATORE UFFICIALE del TORINO A.C. (3° posto), nel 1913/14 (4° posto) e infine nel 1914/15 porta la squadra al 2° posto alle spalle dell’allora "Grande" GENOA.

NEL 1921 fu nominato per la prima volta Commissario Tecnico della NAZIONALE ITALIANA insieme ad altri, chiamata COMMISSIONE TECNICA della FEDERAZIONE.
SIEDE la Prima volta da C.T. UNICO in una Gara Amichevole degli “Azzurri” a
Milano (Campo Milan, viale Lombardia) - 9 marzo 1924. ITALIA - SPAGNA 0-0.
Formazioni; ITALIA: De Prà; Rosetta, De Vecchi (cap.), Barbieri, Burlando, Leale; L. Conti, Cevennini III, Catto, Baloncieri, Borello. C.T. Vittorio POZZO.
SPAGNA: Zamora; Rousse, Acedo; Gamborena, Meana (cap.), Pèna; Piera, Samitier, Cabala, Laca, Aguirreezzabala. C.T. Pendlaw. Arbitro: Cristophe (Belgio).

RIMANE per altre 4 partite (2 vittorie con LUSSEMBURGO e SPAGNA) e 2 sconfitte con SVIZZERA e UNGHERIA (7-1). Dopo la lunga "ERA" di Augusto RANGONE e 6 partite dirette da Carlo CARCANO, Vittorio POZZO ritorna come C.T. con una straordinaria vittoria 6-1 contro il PORTOGALLO e nel 1934 nei MONDIALI organizzati dall’Italia porta la Nazionale al TRIONFO. In Finale gli “AZZURRIi” s' impongono 2-1 alla CECOSLOVACCHIA dopo i tempi supplementari.
ROMA (Stadio Nazionale del Partito Nazionale Fascista. 10 giugno 1934.
ITALIA - CECOSLOVACCHIA 2-1. Reti: 71’ Puc (C), 81’ Orsi (I), 5’ del 1° T.S. Schiavio (I). Formazioni; ITALIA: Combi (cap.); Monzeglio, Allemandi; Ferraris IV, Monti, Bertolini, Guaita, Meazza, Schiavio, G. Ferrari, Orsi. Commissario Unico: VITTORIO POZZO.
CECOSLOVACCHIA: Planicka (cap.); Zenisek, Ctyroky; Costalek, Combal, Krcil; Junek, Svoboda, Sobotka, Nejedly, Puc. C.F.C. Petru. Arbitro: Eklind (Svezia).
VITTORIO POZZO aveva convocato GUAITA, MONTI, ORSI DE MARIA che erano “Oriundi” e ricevette molte critiche perché in un MONDIALE avrebbero dovuto giocare solo nati e residenti in ITALIA (secondo alcuni cervelloni di quei tempi..), ai quali il C.U. rispose fermamente: “Questi ragazzi prestano regolare servizio militare nell’esercito e, se possono morire per l’Italia, possono anche Giocare a Pallone per l’Italia”.

NEL 1936 alle OLIMPIADI di Berlino, Vittorio POZZO è alla guida della Nostra NAZIONALE “DILETTANTI”… e la porta all’UNICA VITTORIA OLIMPICA nella Storia del NOSTRO CALCIO.
In Finale gli “AZZURRINI” s' impongono (ancora ai supplementari e sempre per 2-1) all’AUSTRIA. 15 agosto 1936. BERLINO "OLIMPIA STADIUM":
ITALIA - AUSTRIA 2-1. Reti: 70’ A. FROSSI (I), 80’ Kainberger (A), 92’ A. FROSSI (I).
Formazioni; ITALIA: Venturini; Foni (cap.), Rava; Baldo, Piccini, Locatelli; FROSSI, Maracchini, Bertoni I, Biagi, Gabbiotti. C. U. Vittorio Pozzo.
AUSTRIA: E. Kainberger (cap.); Kargl, Kunz; Kren, Wallmuller, Hoffmeister; WergintzLaudon, Steinmetz, K. Kainberger, Fuchsberger. C.T. J. Hogan.
Arbitro: Bauwens (Germania).

NEL 1938 i MONDIALI si svolgono in FRANCIA in un clima molto ostile agli italiani. La NAZIONALE “Azzurra” va in ritiro nella capitale della Provincia GRANDA, CUNEO e, di LUI scrisse Giorgio BOCCA sul quotidiano “La REPUBBLIA” il 7 luglio 2006.
<< SE RIPENSO ai raduni di quella NAZIONALE nella mia città, a CUNEO, faccio fatica a credere in tanta modestia. La imponeva Vittorio POZZO, un tipo d' ALPINO e SALESIANO arrivato chissà come alla guida degli “AZZURRI”, senza essere, ne un allenatore di professione, né un burocrate dello sport, ma semplicemente un “Piemontese Risorgimentale” convinto delle “Virtù” Piemontesi. Uno di quelli per cui La PAROLA SACRA è “EL TRAVAI” (IL Lavoro)>>.

In FRANCIA, gli “AZZURRI” di Vittorio POZZO fanno filotto”, battendo nell’ordine, la NORVEGIA 2-1 d.t.s. con reti di: 2’ P. FERRARIS II (I), 83’ Brustad (N), 94’ Piola (I). I i padroni di casa della FRANCIA per 3-1 con reti di: 9’ Colaussi (I), 10’ Heisserer (F), 52’ e 72’ Piola (I). La “FAVORITISSIMA” Nazionale Brasiliana per 2-1 con reti di: 55’ Colaussi (I), 60’ rig. Meazza (I), 87’ R. Pellicciari (B) in Semifinale e, l’UNGHERIA in finale a Parigi (Stade de Colombes) 19 giugno 1938: ITALIA - UNGHERIA 4-2.
Reti: 5’ Colaussi (I), 7’ Titkos (U), 16’ Piola (I), 35’ Colaussi (I), 70’ Sarosi (U), 82’ Piola (I). Formazioni; ITALIA: A. Olivieri; Foni, Rava, Serantoni, Andreolo, Locatelli; Biavati, Meazza (cap.), Piola, G. Ferrari, Colaussi. Commissario Unico: VITTORIO POZZO.
UNGHERIA: Szabo; Polgar, Biro; Szaley, G. Szucs, Lazar; Sas, Vincze, Sarosi (cap.), Zsengeller, Tiktos. C.T. Dietz. Arbitro: Capedville (Francia).
IN quattro anni Vittorio POZZO portò l’ITALIA alla vittoria di Due TITOLI MONDIALI e di un’OLIMPIADE (record tutt’ora INEGUAGLIATO)!!!.

Il 5 agosto 1948 su pressione della Federcalcio, Vittorio POZZO diede le dimissioni da Commissario Tecnico. Al momento del ritiro, POZZO era stato Comissario UNICO della Nazionale per 6.927 giorni: ALTRO PRIMATO DIFFICILMENTE EGUAGLIABILE.
AVEVA DIRETTO la NAZIONALE per 97 VOLTE, con un totale di 65 Vittorie, 17 Pareggi e 15 Sconfitte. Percentuale di vittorie 65.97% delle partite giocate, altro record tra i C. T. “AZZURRI”. Il suo ultimo atto (diciamo da C.T.) fu a SUPERGA il 4 maggio 1949, per il riconoscimento dei corpi dilaniati, dei suoi amici e allievi del "GRANDE" TORINO.
VITTORIO POZZO morì a Torino il 21 dicembre 1968 all’età di 82 anni. Le sue spoglie sono tumulate nel cimitero di PONDERANO (BI), suo paese d’origine.
Nel 1990 i “Grandi di Torino”... dopo aver rifiutato di intitolare il nuovo Stadio al "GRANDE" TORINO (assurdo !), rifiutarono anche il nome di POZZO... nominando quello schifo di Stadio… “Delle ALPI” adesso questo campo si chiama “Fogna “rubentina”.
Forse perché anche il nome di POZZO era indissolubilmente legato al TORINO CALCIO. Vergognaaaaaa !!!!!!!!

Buona giornata a tutti.



Rispondi