Buon compleanno "Mitico" Pasquale BRUNO.

Pagina della storia del Toro
Rispondi
Avatar utente
Bertolino
Messaggi: 139
Iscritto il: 11/02/2017, 11:33

Buon compleanno "Mitico" Pasquale BRUNO.

Messaggio da Bertolino »

Immagine Immagine
19 giugno 1962, nasce a San Donato di Lecce Pasquale BRUNO.

“BRUNO non è stato un violento, ma un esibizionista della violenza”. Adalberto Bortolotti “giornalista”. Il commento su Pasquale BRUNO di un altro opinionista.
PASQUALE in campo è stato il “Migliore” in Italia nel suo "Ruolo", non quello dello squallido provocatore da quattro soldi che oggi infesta il nostro Campionato, ma quello del difensore che non ti da respiro, che ti fa sentire continuamente il tacchetto e che ti asfissia nella sua morsa. Non è vero che era un violento, forse nella sua carriera c'è stato un solo vero fallo brutto (quello su Raducioiu), ma ai difensori, anche ai migliori, può capitare. La stampa lo ha sempre dipinto come un sadico, ingigantendo ogni suo intervento, in realtà Pasquale BRUNO non era solo entrate e fallacci, era anche un gran bel difensore, lo dice chiaramente la sua carriera.

PASQUALE BRUNO esordisce nel suo LECCE, dove rimane per 5 stagioni sempre in SERIE B, 111 presenze 9 reti. Nel 1983 passa al COMO, allenato da TARCISIO BURGNICH dove ottiene la Promozione nella MASSIMA SERIE.
ESORDIO di PASQUALE nel Campionato di SERIE A.
Como: Stadio Sinigaglia 16 settembre 1984. 1° Giornata del Campionato 1984/85. COMO - “gli altri” 0-0.
Formazioni; COMO: Giuliani; Tempestilli, Ottoni; Centi, Guerrini, P. BRUNO; Manarin (84' Gobbo), Matteoli, Todesco, H. Muller (62' Invernizzi), FUSI. In panchina: 12° Della Corna, 15° Didonè, 16° Corneliusson. Allenatore: Ottavio Bianchi.
“gli altri”: Tacconi; Favero, Cabrini; Bonini (78' Prandelli), Pioli, Scirea; M. Briaschi, Tardelli, P. Rossi, Platini (58' Vignola), Boniek. In panchina: 12° Bodini, 15° *N. CARICOLA, 16° Limido. Allenatore: Giovanni Trapattoni. Arbitro: Redini (Pisa).
*NICOLA CARICOLA difensore nato a Bari il 13 febbraio 1963. Arriva al TORO dal GENOA nell'estate 1994. Campionato: 4 Presenze 0 reti. Coppa ITALIA: 1 Presenza 0 reti. A novembre ritorna al GENOA.

PRIMA RETE di Pasquale BRUNO in SERIE A. Milano - Stadio San Siro - 13 gennaio 1985. 15° Giornata del Campionato 1984/85.
MILAN - COMO 0-2. Reti: 25' Matteoli, 40' P. BRUNO.
Formazioni; MILAN: TERRANEO; F. Baresi, F. Galli; Battistini, Di Bartolomei, Icardi; Verza, Wilkins, Hateley, Evani, Virdis. In panchina: 12° Nuciari, 13° Cimmino, 14° L. Russo, 15° Manzo, 16° Incocciati. Allenatore: Nils Liedholm.
COMO: Giuliani; Ottoni, Guerrini; Tempestilli, Albiero, P. BRUNO; H. Muller, G.M. Butti (90' Gobbo), Cornelliusson, FUSI. In panchina: 12° Della Corna, 14° Notaristefano, 15° Morbiducci, 16° Todesco. Allenatore: Ottavio Bianchi.
Arbitro Magni (Bergamo).

PASQUALE BRUNO, rimane 4 stagioni in riva al Lario, collezionando 3 salvezze tranquille ed una semifinale di Coppa ITALIA persa a tavolino contro la SAMPDORIA, per colpa di un oggetto scagliato dagli spalti del Sinigaglia, (durante i supplementari con il COMO in vantaggio), sulla testa del direttore di gara REDINI. Punto di FORZA della retroguardia comasca, nel 1987 arriva l'occasione della vita, Rino MARCHESI ex allenatore dei “lariani” in quel momento “agli altri” decide, di portarlo con se a Torino. Personalmente non penso proprio fosse il posto giusto per PASQUALE, in un ambiente di “Tote”, “Cicci”, Signorine e Lecchini... La sponda “bianco e sporca” ha sempre (anche se di calcio ne capisce un “Banano”...) amato i piedi felpati, le punizioni a foglia morta, la classe e... infatti uno come BRUNO non è mai stato pienamente capito, eh... ci credo!!! Hanno mai capito un tubo... .ma così va il mondo e Lui si trovò in una squadra... non sua... E ci credo!!!

NEL 1990 Pasquale BRUNO, PASSA AL TORO “NEOPROMOSSO” IN SERIE A.
IN “GRANATA” COMPIE UN VERO E PROPRIO CAPOLAVORO, NONOSTANTE ARRIVI DIRETTAMENTE DALL'ALTRA RIVA DEL PO, DIVENTA IN POCO TEMPO UN IDOLO DELLA TIFOSERIA e della MARATONA. La tifoseria “GRANATA” al contrario “degli altri”, invece ha sempre apprezzato di più chi ha versato per la MAGLIA: lacrime, sangue e sudore. Cercate di capirmi: al TORO di Campioni con la C maiuscola ne sono passati tanti, ma il “VECCHIO CUORE GRANATA” ha pulsato sempre più per l'UOMO, piuttosto che per l'ATLETA. Pasquale BRUNO entra a far parte di una squadra composta da gente come "Rambo" POLICANO e “Tarzan” ANNONI, giocatori che NON TIRANO MAI INDIETRO la GAMBA e che anzi... la METTONO ANCHE QUANDO NON SERVE!!! Con BRUNO, POLICANO e ANNONI il TORO in quel periodo... era più pericoloso dei “TALEBANI” e dell’ISIS!
Il TORO di quell’inizio anni 90 era un TORO grandissimo guidato dal “SUPER” Emiliano MONDONICO, un TORO che nei 3 anni di permanenza di Pasquale BRUNO, raggiunge risultati strabilianti, come il QUINTO POSTO e la qualificazione in U.E.F.A. nel 1990/91 (“gli altri” arriveranno dietro di “NOI” e non si qualificheranno in EUROPA...), la straordinaria eliminazione del Real MADRID in Semifinale e la Finale di Coppa U.E.F.A contro l'AJAX (con la “Mitica” sedia del “MONDO” alzata al cielo) e la conquista della COPPA ITALIA contro la ROMA, nonostante quel maledetto arbitro di nome SGUIZZATO da Verona. È PROPRIO nel TORO che, Pasquale BRUNO diventa per tutti "O'ANIMALE", è proprio al TORO che darà il meglio di Se, non solo calcisticamente parlando.

ESORDIO di BRUNO in una gara ufficiale “Nostra” MAGLIA..
Verona: “Stadio Bentegodi”. 5 settembre 1990. 1° Gara del 2° Turno della Coppa ITALIA 1990/91.
VERONA - TORINO 0-4. Reti: 44' Cravero, 68' Skoro, 79' aut. Acerbis, 86' Muller.
Formazioni; VERONA: S. MARTINA; Calisti (59' Cucciari), Polonia; Acerbis, Favero, Sotomayor; D. Pellegrini , Magrin, Lunini, Prytz, PUSCEDDU.
Allenatore: Eugenio FASCETTI.
TORINO: Marchegiani; P. BRUNO, Annoni; Mussi, Cravero, Policano; Lentini, Fusi (46' D. Baggio), Muller, Martin Vazquez, Skoro (80' Carillo). Allenatore: Emiliano Mondonico. Arbitro: Fabricatore (Roma).
SPETTATORI: 15.000 circa. AMMONITI: Lentini e Cravero (T), Sotomayor (V).

ESORDIO di PASQUALE BRUNO con la Maglia “GRANATA” in CAMPIONATO.
Torino. Stadio delle ALPI - 9 settembre 1990 - 1° Giornata di Campionato 1990/1991. TORINO - LAZIO 0-0.
Formazioni; Marchegiani; P. BRUNO, D. Baggio; Mussi, Cravero, Policano; Lentini, Fusi (46' F. Romano), Muller, Martin Vazquez, Skoro (60' Carillo). In panchina: 12° F. Tancredi, 15° Zago, 16° G. Bresciani. Allenatore: Emiliano Mondonico.
LAZIO: Fiori; Bergodi, R. SERGIO; G. Pin, GREGUCCI, Soldà; Madonna (81' A. Bertoni), R. BACCI, Riedle, SCLOSA, Sosa. In panchina: 12° Orsi, 14° Nardecchia, 15° Lampugnani, 15° Saurini. Allenatore: Dino Zoff.
Arbitro: Bergamo (Livorno). SPETTATORI: 38.000 circa.
Espulso... Pasquale BRUNO per aver colpito con una gomitata Ruben SOSA.

Il 17 novembre del 1991, PASQUALE sul campo si trasforma, inizia un' “OPERA d'ARTE”... (terminata da “RAMBO” POLICANO) da fare invidia ai Michelangelo BUONARROTTI o Raffaello SANZIO dei tempi migliori. Si gioca il derby della MOLE, dopo appena 17 minuti di gioco per un entrata su Casiraghi, riceve il Secondo Giallo dall'arbitro Ceccarini di Livorno. PASQUALE si trasforma in "O'ANIMALE", non accetta la sanzione, il referto arbitrale dice così "Per aver, successivamente alla notifica del provvedimento di espulsione, dapprima chiesto al direttore di gara, in modo concitato, spiegazione sulla decisione disciplinare, e quindi, ignorando l' invito ad allontanarsi, cercato di avvicinarsi all' arbitro, in ciò impedito da un compagno che lo tratteneva a distanza di circa un metro e poi dal Capitano Roberto CRAVERO che accorreva in aiuto; per aver poi reiteratamente tentato di liberarsi dei compagni di squadra con l' intento veemente e minaccioso di riavvicinarsi al direttore di gara, obiettivo scongiurato da alcuni componenti della panchina del TORO che a forza lo bloccavano e a fatica lo portavano verso l' ingresso degli spogliatoi; per aver nel tragitto che lo conduceva fuori dal campo, ancora e più volte cercato di liberarsi dai compagni di squadra che lo avevano immobilizzato. Solo dopo due minuti e trenta secondi il gioco poteva riprendere. Alla fine: OTTO GIORNATE di SQUALIFICA (poi ridotte a 5). Si ha la sensazione che PASQUALE BRUNO paghi più per il nome, piuttosto che per il fatto. Nella stessa partita Casiraghi riuscirà far espellere anche “Rambo” POLICANO che, per un fallo di reazione gli stamperà la marca dello scarpino sulla faccia... Altro che lo scambio di maglie chiesto da OGBONNA a quel b.... di Marchisio!!!

ESORDIO in EUROPA in una “Coppa MINORE”, ma resta l'unica finora vinta dal TORO: La “MITROPA CUP”.
Torino: 1 giugno 1991. Prima Gara del Girone Eliminatoria della competizione
TORINO - VORWAERTS STEYR 1-0. Rete: 87' Policano.
Formazioni; TORINO: Di Fusco; P. BRUNO, Mussi (41' Martin Vazquez); Annoni, S. Benedetti, Cravero (46' F. Romano); Fusi, Carillo, *Amarildo, Venturin, Policano. Allenatore: Emiliano MONDONICO.
VORWAERTS STEYR: Trost; Lukic, Barac (30' Gonzales); Hoechdelinger (73' Petrovic), Kirchhoff (76' Kocijan), Feirer; Kastner, Urban, Brankovic, Krinner, Novak. Allenatore: Latzke. Arbitro: Beussan (Jugoslavia). SPETTATORI: 6.000 circa.
*AMARILDO Souza do AMARAl, attaccante brasiliano nato a Cuntiba il 2 ottobre 1964. Concesso dalla LAZIO in prestito al TORO per quella manifestazione. Gioca le TRE GARE, senza realizzare reti. Arrivato in ITALIA alla LAZIO 1989/90 (8 reti), passa al CESENA, due stagioni in “bianconero” 65 presenze 13 reti.

ESORDIO di Pasquale BRUNO nella Coppa U.E.F.A. :
Torino; Stadio delle ALPI: 24 ottobre 1991. SEDICESIMI di FINALE della Coppa U.E.F.A. 1991/1992. TORINO - BOAVISTA 2-0. Reti: 2' Lentini, 69' Annoni.
Formazioni; TORINO: Marchegiani; BRUNO, Policano (65' Mussi); Annoni, Fusi, Cravero; Scifo, Lentini, G. Bresciani, Martin Vazquez (86' S. Benedetti), Venturin. In panchina: Di Fusco, Carillo e Sordo. Allenatore: Emiliano Mondonico.
BOAVISTA: Pudar; Paulo Sousa, Samuel; Barny, Fernando Barnes, Tavares; Casasca, Bobo (75' Carlos Santos), Marlon (54' Edward), Joao Pinto, Nelo. In panchina: Alfredo, Jaime e Ricky. Allenatore: Manuel José.
Arbitro: Heckett (Jugoslavia). SPETTATORI: 42.000 circa.

PASQUALE BRUNO nella sue TRE Stagioni in maglia “GRANATA” fu determinante in tantissime occasioni per evitare guai alla porta difesa da Luca Marchegiani ma... realizzò una sola rete! Successe il 17 maggio 1992 a Bergamo. Era la 33° e penultima Giornata del Campionato 1991/92. ATALANTA - TORINO 1-3.
Reti: 31' G. Bresciani (T), 38' Scifo (T), 61' Caniggia (A), 73' P. BRUNO (T).
Formazioni; ATALANTA: Ferron; Porrini, Boselli; Cornacchia, Bigliardi, Valentini (72' Tresoldi); Orlandini (74' Pisani), Pasciullo, Caniggia, Perrone, Bainchezi. In panchina: 12° Ramon, 13° Sottili, 15° L. Piovanelli. Allenatore: Bruno Giorgi. TORINO: Marchegiani; P. BRUNO, Mussi (77' S. Benedetti); Sordo, Annoni, Fusi; Scifo, Lentini, Casagrande, Martin Vazquez (65' Venturin), G. Bresciani. In panchina: 12° Di Fusco, 14° Sottil e 16° Sinigaglia. Allenatore: Emiliano Mondonico.
Arbitro: Arena (Ercolano). SPETTATORI: 20.000 circa.

ULTIMA GARA di CAMPIONATO di Pasquale BRUNO con la Maglia “GRANATA”.
Milano - Stadio San Siro. 6 giugno 1993. 34° e Ultima Giornata del Campionato 1992/93. INTER - TORINO 3-0. Reti: 49' e 61' Ruben Sosa, 51' Shalimov.
Formazioni; INTER: B. Abate; Taccola (50' Tramezzani), L. De Agostini; Shalimov, Antonio Paganin (78' Veronese), Battistini; Orlando, Manicone, Schillaci, Sosa, Fontolan II. In panchina: 12° Fortin, 13° Vecchi e 14° Darko Pancev.
Allenatore: Osvaldo Bagnoli.
TORINO: Marchegiani; P. BRUNO, R. Sergio; Mussi (59' Silenzi), Annoni, Fusi; Sordo, D. Fortunato, Aguilera, Scifo (24' Cois), P. Poggi. In panchina: 12° Di Fusco, 14° Venturin e 16° Zago. Allenatore: Emiliano Mondonico.
Arbitro: Nicchi (Arezzo). SPETTATORI: 35.000 circa.

ULTIMA GARA di PASQUALE nelle Coppe EUROPEE. Mosca: 5 novembre 1992. Sedicesimi di Finale della Coppa UEFA 1992/93. (Andata: TORINO - DINAMO MOSCA 1-2. Reti Kasumov e Simtenkov (D). aut. Timotev (T)).
Formazioni; DINAMO MOSCA: Kleimenov; Timofeev, Skliarov; Tskhadadze, Kalitventsev (64' Tsarev), Kobelev; Varlamov, Derkatch, Tetradze, Kassoumov (87' Oganessian), Simoutenkov. Allenatore: Jury Gazzaev.
TORINO: Marchegiani; P. BRUNO, R. Sergio; Mussi, Annoni, Fusi (47' Silenzi); Sordo (69' P. Poggi), W. Casagrande, Aguilera, Scifo, Venturin. Allenatore: Emiliano MONDONICO. Arbitro: Marko (Cecoslovacchia).
SPETTATORI: 14.000 circa. ESPULSI: al 53' Simoutenkov (D) e al 90' Annoni (T).

ULTIMA GARA in “ASSOLUTO” di Pasquale BRUNO con la Maglia del TORO.
Roma: Stadio Olimpico - 19 giugno 1993. Finale della Coppa ITALIA 1992/93. Gara di ritorno. (Andata: TORINO - ROMA 3-0. Reti: 17' aut. S. Benedetti (T), 53' Cois (T), 78' D. Fortunato (T). ROMA - TORINO 5-2. Reti: 22', 49' e 55' Giannini (R) tutte... su calcio di rigore. 45' e 53' Silenzi (T), 47' RIZZITELLI (R), 65' Mihajlovic (R).
Formazioni; ROMA: Fimiani; GARZYA, Piacentini (93' Salsano); Bonacina (90' MUZZI), S. BENEDETTI, COMI; Mihalovjc, Hassler, Carnevale, Giannini, RIZZITELLI. In panchina: 12° Di Maggio, 13° Petruzzi e 15° A. BERNARDINI.
Allenatore: Vujadin Boskov.
TORINO: Marchegiani; P. BRUNO, Mussi; D. Fortunato, Cois, Fusi; Sordo (90' Falcone), Venturin, Aguilera (77' W. Casagrande), Scifo, Silenzi. 12° Di Fusco, 14° Zago, 16° P. Poggi. Allenatore: Emiliano MONDONICO.
Arbitro: quel bravuomo di SGUIZZATO da VERONA alla sua ultima direzione. E qui si poteva anche indagare... SPETTATORI: 65.000 circa.

DOPO 3 ANNI, 74 PRESENZE, 1 GOAL, PASQUALE lascia il TORO per approdare alla FIORENTINA in SERIE B. Esordio: FIORENTINA-BRESCIA, BRUNO si presenta subito al suo nuovo pubblico. Nello spogliatoio a fine partita, FRANCO LERDA (guarda ci si vede)!!! sputa in faccia a BRUNO, PASQUALE cambia(con l'aiuto di Batistuta) i connotati al giocatore cuneese (ex giocatore e futuro allenatore senza troppa fortuna... del “Nostro” TORO) Franco LERDA. Ottiene 3 giornate di squalifica, una multa di 32 MILIONI dalla FIORENTINA e viene anche messo fuori rosa dal presidente CECCHI GORI, tra il malumore di CLAUDIO RANIERI (allenatore “viola”) e della mitica mamma del presidente VALERIA, che diceva essere BRUNO un ragazzo molto educato che, andava sempre alla Santa Messa. La parentesi di Firenze si chiude dopo appena una stagione, a fine anno PASQUALE torna nel suo LECCE. Un LECCE disastrato che retrocede in SERIE C1. La stagione seguente, va in Scozia, ad Edimburgo nella squadra del HEARTS e gioca tre partite di prova con la squadra scozzese. PASQUALE viene ingaggiato, contratto: biennale da 450 MILIONI NETTI A STAGIONE. A fine contratto passa al WIGAN, ma gioca una sola gara. Torna in Italia e partecipa come opinionista a “Goleada” su TMC.
BRUNO, torna a giocare nel 2002-2003 come attaccante nel DELTA SAN DONATO in TERZA CATEGORIA, squadra della sua città allenata dal fratello. A fine stagione smette definitivamente.

BILANCIO Finale di Pasquale BRUNO in Maglia “GRANATA”:
CAMPIONATO: 74 Presenze, 1 rete.
Coppa ITALIA: 16 presenze, 0 reti.
Coppe EUROPEE (U.E.F.A. e COPPE): 13 Presenze, 0 reti.
ALBO d'ORO: La Coppa ITALIA 1992/93.
AUGURI PASQUALE, indimenticabile “GLADIATORE”, idolo della “GENTE GRANATA”.[/size]



Rispondi