Gran bella serata anche senza la TV. Bastava la Radio.

Pagina della storia del Toro
Rispondi
Avatar utente
Bertolino
Messaggi: 139
Iscritto il: 11/02/2017, 11:33

Gran bella serata anche senza la TV. Bastava la Radio.

Messaggio da Bertolino »

Immagine Immagine

Ma guarda cosa ho scoperto oggi nella storia “GRANATA”. Una squadra austriaca incontrata sia dal TORO che “dagli altri”, il WIENER SPORTCLUB oppure WIENER SK, che conoscevo da 58 anni circa.

Il 1° gennaio 1935. Il TORO incontra in un Torneo AUSTRO-ITALIANO il WIENER SPORTCLUB (WIENER SK). La partita viene giocata allo Stadio “FILADELFIA”.
TORINO - WIENER SPORTCLUB 4-4. Reti: 10' Lentz (W), 22' e 70' Pewny (W), 49' F. Baldi (T), 50' Bo (T), 59' e 65' Spinola, 85' Geiter (W).
Formazioni; TORINO: Maina (Lattuada); Zaccone, O. Ferrini; Allasio, Janni (Zanello), Bertini; Spinola, F. Prato; Bo, F- Baldi, Silano. Allenatore: Antonio Cargnelli.
WIENER SPORTCLUB: Franzl; Grauf, Purtz; Galles, Kellinger, Tinnauser; Lenz, Pewny, Geiter, Reisinger, Pillwein. Arbitro: Carmignato (Italia). SPETTATORI: 7.000 circa. La partita è stata disputata sul campo di Via “FILADELFIA”. Sapete perché ricordo questa partita?
24 anni dopo, “l’altra squadra” di Torino gioca per la prima volta l’allora Coppa dei CAMPIONI.

È LA QUARTA EDIZIONE tutte vinte dal REAL MADRID dei vari DI STEFANO, Gento, Santamaria, Puskas ecc… Le italiane si comportarono decisamente bene. Nella prima edizione 1955/56 il MILAN arrivò i semifinale, eliminato in due grandi gare. Perse 4-2 a Madrid e vinse il ritorno 2-1 a San Siro, eliminati così per differenza reti. L’anno seguente meglio ancora fece la FIORENTINA di Fulvio Bernardini che giunse in finale, battuta per 2-0 sempre dal REAL. Nel 1957/1958 ancora il MILAN di Altafini, C. Maldini, Grillo, Schiaffino ecc… giunge ancora in Finale ed è ancora sconfitto (dopo i tempi supplementari) 4-3 dagli invincibili madrileni.
NELL’EDIZIONE 1958/1959, a rappresentare l’ITALIA sono “gli altri”, quelli della periferia di Torino, vincitori del Campionato 1957/1958.
TRENTADUE le squadre partecipanti, tra le altre l’ATLETICO MADRID e il REALl MADRID, il MANCHESTER UNITED, DUKLA PRAGA, SPORTING LISBONA, DINAMO ZAGABRIA STADE REIMS, SCHALKE 04 ecc…
“gli altri” sono Teste di Serie per le precedenti brillanti prestazioni di MILAN e FIORENTINA. Il primo sorteggio assegna (come al solito…) una delle squadre materasso della competizione, il WIENER SPORTING CLUB o WIENER SK e la conferma viene all’esordio allo Stadio Comunale di Torino il 24 settembre 1958.
“gli altri” - WIENER SPORTING CLUB 3-1 con tripletta dell’argentino Omar Sivori al 2’, 56’ e 62’. Di Horac il provvisorio pareggio degli austriaci.
Per tifoseria e giornalisti, la gara di ritorno dovrebbe essere poco più che una formalità vista la pochezza dell’avversario ma… la palla è rotonda e non sempre gira nel verso giusto.

Il 1° ottobre si gioca al "PRATER STADIUM" di Vienna. Queste le formazioni scese in campo agli ordini dell’arbitro svizzero Wyssling davanti a 34.000 spettatori paganti
WIENER SPORTING CLUB: Szanvald; Hagenkopf, Jaros; Oslanski, Bullwatsch, Barschandt; Horak, Knoll, Hof, Hamerl, Skerlan. Allenatore: H. Pesser.
“gli altri”: Mattrel; Corradi, Garzena; Emoli, R. Ferrario, U. Colombo: Palmer, Boniperti, Charles, Sivori, Stacchini. Allenatore: Ljubisa Brocic.
La partita inizia tranquilla per i “gobbi”, poi al 24’ la squadra “strisciata” di colpo si sgretola a sorpresa contro la formazione viennese. Il WIENER SPORTING CLUB realizza il primo goal al 24' con Skerlen, poi ci fu il poker di Hamerl che andò a segno al 34', 38', 64' e all'80'. Ma gli austriaci non si accontentarono cercando ancora la via del goal. Così negli ultimi 10 minuti finali arrivò la doppietta di Hof all'82' e 85' condannando “gli altri” alla più pesante sconfitta in COPPA CAMPIONI di una squadra italiana (record), impresa sfiorata solo dalla ROMA all’ OLD TRAFFORD contro il MANCHESTER UNITED quasi 50 anni dopo, il 10 aprile 2007.
Purtroppo in quei periodi non c’era nè la TV e nemmeno la radio che trasmettesse le partite di questa competizione.
La goduria il giorno dopo dalle notizie sportive della GAZZETTA del POPOLO.
«Una squadra di “modesti artigiani del calcio” ha demolito uno squadrone di milionari». L'allenatore Ljubis Brocic pagherà il prezzo più alto: l’esonero.
“gli altri” non digerirono questo disastro e cominciarono così le solite piagnerie, incolpando il permissivo arbitraggio, di Wyssling, favorevole all'estrema violenza espressa dalla squadra di casa nei loro confronti, principalmente dal difensore Leopold BARSCHANDT sull'attacante John Charles, ritenuto il giocatore più pericoloso della compagine torinese, durante tutta la partita. Come vedete già allora erano… diversi dalle altre squadre e la storia continua!!!

Ciao Amici ci risentiamo sperando che questo risultato sia di… vostro gradimento.



Rispondi