AUGURI di buon compleanno a "Beppe" CARILLO:

Pagina della storia del Toro
Rispondi
Avatar utente
Bertolino
Messaggi: 139
Iscritto il: 11/02/2017, 11:33

AUGURI di buon compleanno a "Beppe" CARILLO:

Messaggio da Bertolino »

Immagine Immagine Immagine

Giuseppe CARILLO: Centrocampista, nasce ad Ascoli Piceno il 24 maggio 1965.

Il TORO nella sua gloriosa storia ha vinto una sola Coppa INTERNAZIONALE, la Mitropa CUP 1991 superando in Finale allo Stadio delle ALPI il 4 giugno 1991 il PISA per 2-1. Una partita molto sofferta, una partita… da TORO. La squadra “GRANATA” andata i svantaggio al 84’ con gol del pisano Polidori, riusciva a pareggiare al 85’ su calcio di rigore calciato da Rafael Martin VAZQUEZ, portando la gara ai tempi supplementari e solo al 119’ arrivava il gol vittoria grazie a Giuseppe CARILLO. Un gol del fuoriclasse spagnolo e l’altro dell’umile gregario Giuseppe CARILLO e oggi parlo proprio di questo ragazzo che oggi 24 maggio festeggia 51 anni. Beppe CARILLO io l’ ho conosciuto alla TERZA Festa del TORO a BALDISSERO d’Alba il 9 maggio 1992. Con lui erano nostri ospiti: Luca MARCHEGIANI, Silvano BENEDETTI, Giorgio BRESCIANI, e i sempre presenti Roberto MUSSI, Lido VIERI, e il massaggiatore Sergio GIUNTA. Queste le formazioni scese in campo quel tardo pomeriggio. TORINO: Di Fusco; Annoni, Atzori (87' Brunetti, 104' Cois); Fusi, Junior, CARILLO; Venturin (59' Mezzanotti), F. Romano, Amarildo, Martin Vazquez, Policano. Allenatore: Emiliano Mondonico.
PISA: L. SIMONI; Chamot, Taccola (90' Baldini); Boccafresca (69' Moretti), Dondo, Bosco; Fiorentini, CRISTALLINI, FERRANTE, Marini, Polidori (89' Dianda). Allenatore: Luca Giannini. Arbitro: Vagner (Ungheria). SPETTATORI: 5.000 circa.
AMMONITI: Bosco, Dondo e D. Moretti (P), Amarildo (T) Espulso Policano. Il TORO per l'occasione ha utilizzato due giocatori non tesserati in rosa, cioé l'ex “Grandissimo” Leo JUNIOR e il “cesenate” Amarildo Souza do Amaral, meglio noto solo come AMARILDO nato a Curitiba (Brasile) il 2 ottobre 1964. Arrivato alla LAZIO nel 1989/1990 gioca poi due stagioni nel CESENA poi fa ritorno in patria. Più che per le sue imprese calcistiche, AMARILDO viene ricordato percè era solito regalare una BIBBIA al suo avversario diretto, in quanto molto religioso ed esponente degli “ATLETI di CRISTO”, associazione brasiliana di Atleti Cristiani Evangelici Osservanti

Ma torniamo al “nostro” Beppe CARILLO cresciuto nel vivaio della squadra della sua città l’ASCOLI Calcio. ESORDISCE in SERIE A il 10 febbraio 1985 allo Stadio DEL DUCA. 18° Giornata del Campionato 1984/1985. ASCOLI - SAMPDORIA 2-0. Reti: 80’ G. Iachini, 85’ rig. Enrico Nicolini. Formazioni; R. Corti; L. Schiavi, E. Nicolini; Perrone, Dall’Oglio, G. Iachini; F. Vincenzi (87’ CARILLO), A. Marchetti, HERNANDEZ (46’ D. Agostini),Dirceu, *CANTARUTTI. In panchina: L. Muraro e Citterio. Allenatore: Mario Colautti. D.T. Vujadin Boskov.
SAMPDORIA: I. Bordon; Galia, *L. PELLEGRINI; F. Pari (81’ Beccalossi), Vierchowod, Renica; Scanziani, SOUNESS, Francis, Salsano, Vialli. In panchina: Bocchino, Antonio Paganin, Gambaro e G. Picasso. Allenatore: Eugenio BERSELLINI. Arbitro: Longhi (Roma).
*Aldo CANTARUTTI: attaccante nato a Manzano (UD) il 17 gennaio 1958. Proveniente dal settore giovanile, conta una sola presenza con la Maglia “GRANATA” il 10 aprile 1977: TORINO - CATANZARO 3-1. Reti: 23' rig. Pulici, 40' Arbitrio (C), 44' Pulici (T), 76' C. Sala (T).
La stagione seguente viene ceduto al MONZA in SERIE B.
*Luca PELLEGRINI: difensore nato a Varese il 24 marzo 1963. Arriva al TORO dal RAVENNA per il Campionato 1994/1995. Solo 14 presenze i Maglia “GRANATA” ma con la soddisfazione di vincere entrambi i derby, 3-2 il 25 gennaio 1995 e 2-1 il 9 aprile1995. A fine stagione lascia definitivamente l’attività agonistica.
Graeme SOUNESS nato a Edimburgo il 6 maggio 1953. “Disastroso” allenatore del TORO da agosto a ottobre 1997: 6 panchine in Campionato, 4 in Coppa ITALIA. Passa al BENFICA.

“Beppe” CARILLO rimane all’ASCOLI per cinque stagioni totalizzando 100 presenze, 5 gol realizzati. IL SUO PRIMO gol in SERIE A, lo realizza il l’8 novembre 1987. Milano: Stadio “Giuseppe MEAZZA”. 8° Giornata del Campionato 1987/1988.
INTER - ASCOLI 2-2.
Reti:16’ Passearella (I), 28’ CARILLO (A), 37’ SERENA (I), 38’ Dell’Oglio (A).
Formazioni; INTER: Zenga; Bergomi, MANDORLINI; G. Baresi I, Calcaterra, Passarella: Fanna, SCIFO, Altobelli, Matteoli (76’ Piraccini), SERENA. In panchina: Malgioglio, MINAUDO, Civeriati, Ciocci. Allenatore: Giovanni Trapattoni.
ASCOLI: Pazzagli; F. DESTRO, Carannante (85’ Rodia); Celestini, P. Benetti, Agabitini; Dell’Oglio, CARILLO, W. CASGRANDE, P. Giovannelli (76’ Maradona II), Scarafoni. In panchina: R. Corti, Miceli, D. Agostini. Allenatore: Ilario Castagner. Arbitro: F. Baldas (Trieste).

NEL 1990 viene acquistato dal TORO "neopromosso".
ESORDIO in Maglia “GRANATA” il 5 settembre 1990. Verona: Stadio BENTEGODI. Prima giornata della Coppa ITALIA 1990/1991. HELLAS VERONA - TORINO 0-4.
Reti: 44' Cravero, 68’ Skoro', 79’ aut. Acerbis, 86’ Muller.
Formazioni; HELLAS VERONA: S. MARTINA; Calisti (59' Cucciari), Polonia; Acerbis, Favero, Sotomayor; D. Pellegrini, Magrin, Lunini, Prytz, PUSCEDDU. Allenatore: Eugenio FASCETTI.
TORINO: Marchegiani; P. Bruno, Annoni; Mussi, Cravero, Policano; Lentini, Fusi (46' D. Baggio), Muller, Martin Vazquez, Skoro (80' CARILLO). Allenatore: Emiliano Mondonico. Arbitro: Fabbricatore (Roma). SPETTATORI: 15.000 circa.
AMMONITI: Lentini e Cravero (T), Sotomayor (V).

ESORDIO in Campionato di CARILLO con la Maglia del TORO. Torino: Stadio delle ALPI. 9 settembre 1990. 1° Giornata del Campionato 1990/1991.
TORINO - LAZIO 0-0.
Formazioni; TORINO: Marchegiani; P. Bruno, D. Baggio; Mussi, Cravero, Policano; Lentini, Fusi (46' F. Romano), Muller, Martin Vazquez, Skoro (60' CARILLO). In panchina: F. Tancredi, Zago, G. Bresciani. Allenatore: Emiliano Mondonico.
LAZIO: Fiori; Bergodi, R. SERGIO, G. Pin; GREGUCCI, Soldà, Madonna (81' A. Bertoni); Roberto BACCI, Riedle, SCLOSA, Sosa. In panchina: Orsi, Nardecchia, Lampugnani, Saurini. Allenatore: Dino Zoff. Arbitro: Bergamo (Livorno). SPETTATORI: 37.000 circa. ESPULSO: al 60' P. Bruno (T). AMMONITI: R. BACCI, R. Bergodi e Gregucci (L), P. Bruno e Fusi (T).

DOPO aver realizzato il gol che ci diede la Vittoria in Mitropa CUP, Giuseppe CARILLO realizza anche un gol nelle Coppe EUROPEE. Succede a Torino: Stadio delle ALPI. 2 ottobre 1991. Gara di ritorno del primo turno della Coppa U.E.F.A. 1991/1992. TORINO - KR REYKJAVIK 6-1. Reti: 14' G. Bresciani (T), 16' Skulasson (K), 44' Policano (T), 47' Martin Vazquez (T), 51' e 63’ Scifo, (T), 53' CARILLO (T).
Formazioni; TORINO: Marchegiani; Annoni, Policano; Mussi (51' Venturin), S. Benedetti, Fusi; Scifo, CARILLO, G. Bresciani, Martin Vazquez, W. Casagrande (46' Lentini). In panchina: Di Fusco, Cois, Bertelli. Allenatore: Emiliano Mondonico.
KR REYKJAVIK: Gottsskalksson; Bjorgvinsson, Halldorsson (68' Petursson); Omarsson, Edvaldsson, Kristinsson; Oddsson, Skulasson, Magiersson, Gudjonsson, B. Ranfsson, : I panchina: Olarfsson, G. Ranfsson, Lapas. Allenatore: Hake Kjartansson. Arbitro: Colic (Jugoslavia). SPETTATORI: 15.000 circa.
DOPO 22 presenze in Campionato, 0 gol. 9 in Coppa ITALIA, 0 gol. Coppe EUROPEE: 5 presenze, 2 gol, nell’autunno 1991, anche causa un infortunio, Beppe CARILLO viene ceduto al VENEZIA. Dopo aver giocato anche nella Fidelis ANDRIA, Maceratese e Santegidiese, chiude la carriera agonistica nel 2000 dopo aver giocato dee stagioni con il CHIETI.

Ciao “BEPPE”, buon compleanno.



Rispondi