MILLICO NON SA COSA SPERARE - Notizie Toro - blog1

Vai ai contenuti

MILLICO NON SA COSA SPERARE

blog1
Pubblicato da in giornali ·



L’elenco dei convocati per la sfida di stasera contro il Genoa conferma l’andazzo descritto ieri da Walter Mazzarri. «Fino a lunedì non si muove nessuno», ha sentenziato WM in conferenza stampa. Nessuno, tranne probabilmente uno: Alessandro Buongiorno. Il centrale classe ’99 è vicinissimo al Trapani, motivo per cui non farà parte del Toro che affronterà le fatiche degli ottavi di finale di Coppa Italia. Ritroverà Fabrizio Castori, l'allenatore che l’anno scorso a Carpi ha iniziato il suo svezzamento. Non rimane in granata, a prescindere dalla sempre più probabile uscita di Bonifazi. In compenso, il beneficiario della cessione in prestito secco di Buongiorno sarà il collega Singo, stasera in panchina. Quando il Toro ne avrà bisogno, sarà lui il sesto difensore della prima squadra: tutti gli indizi portano a questa soluzione. Promosso l’ivoriano, così come Michel Ndary Adopo, fresco di esordio in Serie A contro la Roma. Da due mesi a questa parte è tornato a pieno regime: ha trascinato la Primavera rientrando da una degenza di nove mesi e si è riconquistato la fiducia di Mazzarri, che per lui stravede. Col Genoa rimarrà inizialmente a guardare, ma non è escluso che possa mettere piede in campo a gara in corso, nell’ottica di far respirare uno fra Rincon e Lukic in vista di Toro-Bologna. E poi c’è Vincenzo Millico, suo malgrado relegato ad un’inquietante terra di mezzo. Il recupero di Iago Falque (domenica, salvo sorprese, lo spagnolo riapparirà in panchina) potrebbe permettergli di anticipare la preparazione delle valigie, ma fino a lunedì rimane: non c’è santo che tenga. Poi il probabile passaggio al Chievo, club con il quale Bava sta cercando la formula ideale per definire l’operazione: il prestito con diritto di riscatto e controriscatto a favore dei granata pare l’unica via per accontentare tutti.
fonte tuttosport



Torna ai contenuti