La Gente del Fila - Tifotorocaffe-Il Grande Torino - TifoToroCaffè

Vai ai contenuti

La Gente del Fila

TifoToroCaffè
Pubblicato da in Stadi ·



Vi mettiamo una foto di per se meravigliosa,ma assieme vi raccontiamo anche una storia che fa capire cosa e' stato capace di fare quel bambino con il cappellino bianco seduto sulle ginocchia del padre sui gradoni del Fila.
Un bambino degli anni 40 figlio di quell'Italia del dopoguerra che a fatica cercava di darsi un' identita' e cercava attraverso i Campioni dello Sport tentava di ridarsi una dignita' calpestata da un guerra perduta e disgregante. Questo bambino aveva una passione sana pulita come era il calcio di quel periodo ,fantasticava di partite giocate insieme ai suo Campioni vestiti di quel Grranata cosi' bello e intenso cosi' somigliante ad un cuore pulsante.,un bambino che collezionava le figurine che si trovavano acquistando le caramelle Fidas aggiungendo giorno dopo giorno un nuovo campione alla sua collezione,ma il tempo passava e la sua preziosa collezione non poteva completarsi per la mancanza di un solo giocatore,mancava Virgilio Maroso il terzino piu' forte di tutti il difensore che tutti gli attaccanti temevano d'incontrare per la paura di rimediare brutte figure.Allora il bambino frustrato e disperato fece una cosa folle dettata dall'incoscienza della sua giovane eta',sottrasse mille lire dal borsello dei risparmi della madre,mille lire che negli anni quaranta erano un piccolo tesoro ,visto che in quel periodo un operaio guadagnava in media 11milalire al mese,prese queste mille lire e corse dalla tabaccaia per tramutarle nelle caramelle Fidas convinto che questa volta la figurina di Virgilio sarebbe divenuta sua,per fortuna la tabaccaia insospettita da tutta questa disponibilita' economica in un bambino ebbe premura di avvertire la famiglia,il Padre che come tutti i padri dell'epoca era severo il giusto decise di impartire una salutare lezione al pargolo e con la complicita' di un amico poliziotto fece passare alcune ore dietro le sbarre di una cella al furfantello,che imparo' la lezione e capi' che nella vita le scorciatoie non portano mai a nulla di buono...Questo bimbo crescendo continuo' a tifare il suo amato Toro e un giorno di molti anni dopo pote' riconsegnare nelle mani del legittimo erede un cimelio storico appartenuto ad uno dei Campione del Grande Torino.


Torna ai contenuti